Offense

RPO – manipolare le difese avversarie

on

Nei precedenti articoli di introduzione  e su come costruire un gioco di RPO basilare abbiamo iniziato ad affrontare un argomento i cui limiti risiedono esclusivamente nella fantasia di chi li approccia.

Per come sono stati concepiti i giochi in RPO del sistema della Nazionale le combinazioni possibili sono innumerevoli, per complicare ancor più il compito alle difese che ci troviamo di fronte, alla fine dei due anni di lavoro nei camp di preparazione al torneo di qualificazione europea, abbiamo spinto abbastanza all’estremo il concetto.

A proposito dei giochi di RPO, avevamo definito un lato playside, solitamente dedicato a far funzionare il gioco di corsa, ed un lato backside il cui compito invece era quello di dare al QB l’opzione di passaggio a seconda della lettura sulla Key Read.

Il nostro attacco utilizza sostanzialmente due gruppi di formazioni, le formazioni 2×2 (con due ricevitori per ogni lato della palla) e le formazioni 3×1 (con tre ricevitori dal lato forte e uno dal lato debole). Approcciando il concetto di RPO da formazioni 3×1 ci siamo resi conto che esisteva la possibilità di dare al QB ulteriori opzioni a condizione di costringere le difese avversarie ad aggiustarsi contro il nostro modo di utilizzare le formazioni.

La chiave più importante è stata individuata nell’utilizzo del single back, sin dall’inizio abbiamo scelto di considerare il nostro RB alla stregua di un vero e proprio ricevitore trasformando, di fatto, ogni nostra formazione in una empty formation. L’utilizzo dei RB nel nostro sistema è diventata la chiave con cui abbiamo deciso di “manipolare” le difese avversarie a nostro vantaggio.

E’ importante chiarire che, dal nostro punto di vista, ogni qual volta riusciamo a costringere le difese avversarie ad utilizzare un qualsiasi allineamento con una sola deep safety abbiamo ottenuto il nostro scopo principale e tutto il nostro sistema è volto all’ottenimento di questo risultato. I motivi sono semplici, per noi le difese con una sola safety profonda sono più vulnerabili ed esposte a grandi guadagni su passaggio a patto che l’attacco sia in grado, dal punto di vista della tecnica individuale e dal punto di vista tattico, di approfittarne.

La posizione di partenza del nostro single back in ogni formazione è stata la prima scelta importante che abbiamo fatto, solitamente il single back è posizionato dietro la guardia d’attacco o al massimo sulla sua spalla esterna, nel nostro sistema la posizione di partenza è immediatamente dietro il tackle d’attacco. I risultati che abbiamo ottenuto per il nostro RB con questo semplicissimo accorgimento sono i seguenti:

  • una release più facile e veloce nei giochi di passaggio;
  • mediamente 1/2 passi di vantaggio in più sul Mike (solitamente deputato a coprirlo);
  • le difese sono costrette a contarlo SEMPRE come ricevitore e ad aggiustare la posizione dei difensori in maniera non usuale per evitare di essere battuti by position;
  • chiunque sia deputato a coprire il nostro RB solitamente over-reagisce a qualsiasi movimento del RB per compensare il suo svantaggio di posizione.

Gli aspetti negativi invece sono:

  • Il footwork sui giochi di corsa è totalmente diverso da quello a cui i RB sono di solito abituati
  • Il lasso di tempo che trascorre tra lo snap e l’hand off è mediamente più lungo del solito (ma questo per noi è anche un vantaggio in quanto facilita la lettura del QB negli RPO)
  • In fase di pass protection non è consigliato assegnare al RB una double read weak/strong

Gli aggiustamenti delle difese avversarie sono spesso di due tipi:

schermata-2016-12-06-alle-18-19-11

Per mantenere la struttura con due high safeties spesso le difese giocano con un fronte UNDER, per fronte UNDER intendiamo una difesa schierata con il DT in tecnica 3 sul lato debole della nostra formazione e con il DT in tecnica 1  sul lato forte della nostra formazione. Questo permette alla difesa di schierare il Mike un po’ meno al centro del box compensando leggermente lo svantaggio di leverage causato dalla posizione di partenza del nostro RB. La conseguenza di questa decisione è, però, che il Weak LB è ora costretto ad entrare molto più del solito dentro il BOX.

Estremizzando e schierando la nostra formazione Quads (3×1 più RB strong) dal lato stretto del campo il compito per la difesa diventa ancora più arduo:

schermata-2016-12-06-alle-18-25-25

Quali sono i punti deboli di questo aggiustamento?

Concentriamoci sul ricevitore singolo schierato sul lato debole della formazione, quante volte vi siete trovati a fare la considerazione che un ricevitore in campo aperto contro un solo defensive back, a parità di qualità tecniche, vince nella stragrande maggioranza dei casi? In questo caso il nostro ricevitore ha la possibilità di correre con successo una moltitudine di tracce e questa posizione di vantaggio gli è stata data esclusivamente dall’utilizzo di questa specifica formazione schierata sul lato stretto del campo e da posizione e utilizzo “estremi” del RB.

Se associamo questo concetto ai giochi in RPO quello che otteniamo, contro questo schieramento difensivo è più o meno quanto illustrato nella prossima figura:

schermata-2016-12-06-alle-18-44-45

La posizione del Will ha sostanzialmente dato al nostro attacco la possibilità di isolare il Weak CB in 1 contro 1 con il nostro X receiver, combinado questo concetto con un gioco di RPO (DIVE+STICK) le possibilità di colpire con buon profitto la difesa avversaria si sono sensibilmente moltiplicate.

Il QB ha ora, oltre alle già citate scelte del gioco in RPO, anche la possibilità di scegliere se giocare l’uno contro uno backside (free access throw) approfittando dell’enorme quantità di campo in cui il nostro ricevitore ha la possibilità di battere l’uomo che lo copre.

Questo è esattamente ciò che è successo nella prima parte della partita contro la Francia del Luglio 2016 e che ci ha permesso di avere dei buoni guadagni costantemente per gran parte del primo tempo.

Successivamente il Defensive Coordinator della Francia, compreso che questo fronte lo esponeva particolarmente, ha scelto di aggiustarsi in maniera differente:

schermata-2016-12-06-alle-18-56-49

Pur mantenendo l’allineamento Under, che gli consentiva di non esporre troppo il Mike contro il nostro RB, ha deciso di giocare a uomo contro tutti i nostri ricevitori.

Quali sono i punti forti di questo aggiustamento difensivo?

  • Ottimo supporto sulle corse, 6 uomini nel box
  • tutti i nostri ricevitori sul lato forte sono coperti
  • la lettura dell’ RPO è stata annullata in quanto l’eventuale nostra KEY read non è impegnata in copertura su nessuno dei ricevitori schierati sul lato strong.

Quali sono i punti deboli di questo aggiustamento?

E’ UNA DIFESA CON UNA SOLA HIGH SAFETY!!!

Solitamente questo per noi si traduce in un sorriso dell’Offensive Coordinator, del QB e dei Ricevitori che sanno già che qualcosa di importante sta per succedere.

Per la cronaca questo tipo di aggiustamento ha portato la Francia a subire una ricezione da circa 30 yds su una traccia in Fade del nostro ricevitore Biancalana, a dover fare 3 falli di pass interference per non subire ulteriori guadagni considerevoli ed, infine, a subire un bellissimo  TD del nostro ricevitore Marchini, ancora su una traccia fade.

Seguendo questo principio ogni nostro gioco in RPO, oggi, presenta un gioco di corsa abbinato a due giochi di passaggio, uno playside ed uno backside, da ogni formazione. Ancora una volta nulla di particolarmente complicato è richiesto a nessuno dei giocatori coinvolti, la linea continua a bloccare 3 semplicissimi schemi di corsa, il RB a correre 3 semplicissimi schemi di corsa, i ricevitori continuano a correre tracce molto basilari dedicando la quasi totalità del tempo di allenamento al perfezionamento della tecnica necessaria a correre al meglio queste tracce.

In sintesi i giochi di RPO possono essere, se opportunamente elaborati, un eccellente sunto del vostro sistema offensivo ma non sono affatto la panacea universale, piuttosto uno strumento funzionale che può rivoluzionare il vostro modo di concepire l’attacco, ultimo consiglio, partite SEMPRE dalla protezione per il vostro QB.

“When we have these RPO’s, I want you to remember what Gruden says about RPO’s: Ridiculous Protection Offense, because that’s what it is.” (Jon Gruden to Jared Goff)


Coach: DAVIDE GIULIANO
HC/OC NAZIONALE ITALIANA DI FOOTBALL AMERICANO
EMAIL: davidegiuliano@me.com

About Davide Giuliano

Recommended for you

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *